CDP Equity

Principi per gli investimenti indiretti

CDP Equity possiede partecipazioni di maggioranza e minoranza nelle seguenti SGR

  1. 70% di CDP Venture Capital – Fondo Nazionale Innovazione – SGR operante nel venture capital
  2. 68% di Fondo Italiano di Investimento – SGR operante nel private equity e nel private debt
  3. 40% di QuattroR – SGR dedicata al rilancio di aziende in difficoltà
  4. 39% di FSI – SGR operante nel private equity
  5. 14% di F2i – SGR operante nelle infrastrutture

 

Il perimetro

CDP Equity agisce come investitore cornerstone in fondi diretti e fondi di fondi gestiti dalle Società di Gestione del Risparmio in cui è azionista di maggioranza e minoranza, garantendone l’autonomia e minimizzando i rischi di conflitto di interesse. Con due strumenti, in particolare, CDP Equity supporta le imprese e le startup italiane che operano nei settori prioritari definiti dal suo statuto, anche al fine di colmare gap di mercato:

Attraverso private equity

fornisce capitali pazienti alle PMI per supportare piani di crescita e di sviluppo, favorendo il consolidamento manageriale e il ricambio generazionale delle imprese

Attraverso il venture capital

supporta le startup in tutte le fasi del ciclo di vita, dallo sviluppo («seed») all’industrializzazione ed espansione sui mercati internazionali («late stage»)

 

L'approccio

CDP Equity agisce secondo logiche di mercato. Segue una rigorosa disciplina di investimento e gestione dei fondi partecipati. L’intero processo di investimento di CDP Equity, dall’individuazione dei gap di mercato fino all’approvazione da parte dei comitati e organi societari deliberanti, è articolato in diverse fasi che includono un’attenta attività di negoziazione e due diligence, con particolare attenzione agli aspetti ESG (Environmental, Sustainability, Governance).

La governance attiva

I fondi che beneficiano di un investimento da parte di CDP Equity si impegnano a perseguire gli obiettivi strategici che hanno posto le basi per l’investimento, nel rispetto dei principi di indipendenza e autonomia delle SGR. Oltre ad obblighi di informativa periodica tipici della prassi di mercato, in qualità di investitore cornerstone CDP Equity richiede diritti di governance attiva. In tutte le SGR partecipate CDP Equity richiede:

  1. un’adeguata rappresentanza nei comitati dei fondi secondo best practice di mercato
  2. a nomina di uno o più consiglieri di amministrazione, inclusi amministratori indipendenti.